Foto di Emiliano Sacchetti, Stefano Procopio, Luca Fiaccavento, MiloPhoto, Daniele Cinà, Mauro Tomassetti

© Ass.Cult. ALGECIRAS FLAMENCO

Tutti i diritti riservati

  • White YouTube Icon
  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

Lo spettacolo trae ispirazione da una lirica del Maestro Pablo Neruda: “Oda al vals Sobre las Olas”.

Bailar contigo, amor, a la fragante luz de aquella luna, de aquella antigua luna, besar, besar tu frente mientras rueda aquella música sobre las olas!

Ballare con te, amore, alla fragrante luce di quella luna, di quell'antica luna, baciare, baciare la tua fronte mentre va quella musica sulle onde!

Il poeta cileno considerato, tra i più grandi poeti del XX secolo, si avvicinò al flamenco grazie all’amicizia con Federico García Lorca, durante il suo esilio in Spagna. Nel XV secolo, come è noto, la Spagna incontrò e occupò l’America del centro sud. Le barche spagnole partite dal porto sul mare di Cadiz e dal porto fluviale di Sevilla approdarono in quelle terre d’oltre Oceano riportando in patria non solo oro, patate, pomodori o tabacco, ma anche manifestazioni culturali con musica e danze indigene. Nacquero nuovi palos flamencos (stili) “aflamencados”.

L’atmosfera all'interno della quale si muove lo spettacolo è quella de los “Cantes de ida y vuelta”, Canti di andata e ritorno. Un insieme di palos flamencos che hanno origine nella musica popolare ispano-americana e che sono stati reinterpretati in flamenco ed entrati nel repertorio di grandi musicisti spagnoli e, in particolare, andalusi. Il repertorio musicale e coreografico di “Sobre las Olas” si articola sui alcuni di questi palos; milonga, rumba, vidalita, colombiana e guajira; conducendo lo spettatore, in uno spazio immaginario e colorato, attraverso “cuadros flamencos”, chitarra, cante, baile. È insita nella tradizione flamenca la tendenza ad assorbire generi nuovi; il flamenco contiene radici culturali comuni a popoli del Mediterraneo e a quelli dell’America Latina.

Eppure, il flamenco ha una particolarie caratteristica che lo rende unico e riconoscibile in tutti i tempi e in tutti i luoghi: la simbiosi tra musica e danza. Il baile non solo interpreta la musica, ma ne è parte integrante perché le palmas e lo zapateado sono contemporaneamente elementi coreografici e ritmici.

Ana Rita Rosarillo Cante
Sergio Varcasia Chitarra
Paolo Monaldi Percussioni
Andrea Leonardi Sax
Caterina Lucia Costa Baile
Francisca Berton Baile