Foto di Emiliano Sacchetti, Stefano Procopio, Luca Fiaccavento, MiloPhoto, Daniele Cinà, Mauro Tomassetti

© Ass.Cult. ALGECIRAS FLAMENCO

Tutti i diritti riservati

  • White YouTube Icon
  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

ALGECIRAS

tra

Flamenco

e

Danza Mediorientale

"Il fascino della molteplicità culturale depositata nel bacino del Mediterraneo"

Algeciras porta in scena un esempio di sinergia musicale tra la tradizione andalusa ed il folclore arabo magrebino, un viaggio musicale nella parte più occidentale del Mediterraneo. Il Mediterraneo che separa ed allo stesso tempo lega la regione spagnola dell’Andalusia al Marocco. Due territori e due culture che nella storia si sono incontrate, attraversando i secoli ed influenzandosi a vicenda: è proprio in Andalusia a partire dal 711, anno in cui inizia l'occupazione degli arabi della Spagna meridionale, dove ha inizio una Nuova Era che riguarda tutti i campi della scienza, della cultura, dell’arte. Per la prima volta nella storia la regione meridionale della penisola hispánica, chiamata Al Andalus, diviene esempio unico di tolleranza, scambio e convivenza tra le culture musulmana, ebraica, cristiana e gitana. Nel loro intenso e ricco dialogo, ebrei, cristiani, musulmani e gitani non mirano a convertirsi alle rispettive culture, cercano piuttosto di approfondire la loro comprensione traendo beneficio dall’altro. Grazie a questo nuovo fermento anche la musica suonata in AndaIusia ne trae giovamento. Il flamenco si arricchisce di suoni e ritmi arabi ed i cantaores gitani inseriscono liriche arabe nelle coplas dei loro canti, generando nuovi stili musicali flamenchi (palos) la Zambra Mora, las Morillas de Jaén, los Fandangos, ma anche los Cantes Garnatí di Granada, la Tarara. La maggior parte di queste musiche venivano accompagnate dalle danze che le danzatrici esibivano nei matrimoni, nelle nascite o più comunemente nelle feste dei propri villaggi di appartenenza.
Il progetto Algeciras prende spunto ed energia dalla fusione di elementi comuni del flamenco e della musica araba magrebina attraverso la ricerca e la riqualificazione del patrimonio musicale del periodo dell’Al Andalus proponendo una rilettura in chiave moderna. 
Musica e danza uniti nella rappresentazione dell’incontro di identità culturali differenti ma ricche di matrici comuni, nel tentativo oltre che di manifestare la possibile coesistenza di due linguaggi d’arte, soprattutto la possibile, in taluni casi necessaria, convivenza di dialogo tra queste stesse culture. Quindi, una performance di musica, danza e a suo modo anche di affermazione di un bisogno di tolleranza e libertà, intesa nella sua più larga accezione.